• Inserisci immagine

    Inserisci immagine

  • Inserisci immagine

    Inserisci immagine


La poesia è un soffio di vento che fa volare il cuore oltre l'infinito
(Gaspare Caramello)

L'impegno in campo letterario

In campo letterario la sua attività ha inizio agli inizi degll anni '70 del secolo scorso soprattutto come autore di testi di avanguardia teatrale. "Dimensione Antroponumerica" e "Il viaggio di Cappuccetto Rosso" del 1972 sono due pieces di pura avanguardia sullo stile del teatro dell'assurdo e delle neoavanguardie del periodo.

Dopo un breve apprendistato nel Teatro Stabile di Torino come assistente alla regia di Aldo Trionfo nella messa scena dell' "Elettra", il 1975 segna il suo debutto nella regia teatrale con l'allestimento in puro stile d'avanguardia della versione in vernacolo provenzale del "Le Bourru Bienfaisant" di Carlo Goldoni.

Nel 1976, assieme all'artista informale Carlo Cormagi, fonda la compagnia teatrale "Teatro del Cavaliere Azuurro" che tra il 1974 e il 1978 mette in scena tre pieces scritte a due mani "Il soldato con Pipa" "L'Arrotino" e "La Polka Anna", vere e proprie sperimentazioni innovative in cui l'elemento teatrale si combina con le arti visive, facendo rivivere in scena lo stile pittorico dei più significativi movimenti delle avanguardie artistiche del primo novecento.

Seguono due progetti cinetografici "The Beat(ten) generation" e "Studenti studiate (la fantasia non più al potere)", quindi, alla fine del secolo scorso iniziò anche la sua produzione di testi letterari e commedie in vernacolo per la locale compagnia teatrale dialettale.

Nel 2000 viene pubblicato il suo primo libro "... Dopo le Rondini, il silenzio" cui fa seguito nel 2006 "A Foura du Bestentu".

La sua collaborazione con la compagnia dialettale di Ventimiglia si concretizza con la realizzazione di alcune sue commedie scritte in dialetto provenzale: "L'anelu pe' u cuixin Gustavu", "U Lascitu", "E Vutasiui", "Cercandu u cucu".

Con "Rimembrando le mie prigioni" nel 2011 ritorna alla stesura di testi teatrali sullo stile delle avanguardie artistiche degli anni settanta, mentre nel 2013 con "Transconceptual Episcopomachia" inizia a sperimentare l'applicazione delle teorie visive dell'Arte Transconcettuale anche in campo teatrale e letterario, che, nel 2014, con la stesura de "I Duzairi", il primo romanzo transconcettuale della storia della letteratura mondiale, gli permetterà di vincere il premio della critica alla sesta edizione del concrso di lettaratura internazionale "Citttà di Ventimiglia".

Sempre nel 2014, un suo racconto "Ti dimenticherò per sempre" è stato pubblicato nel libro antologico "24 ore... tutti lavorammo a stento".

STAMPE ARTISTICHE GASPARE CARAMELLO | 31, V. Cavour - 18039 Ventimiglia (IM) - Italia | P.I. 00070200084 | Cell. +39 348 9503480 | caramellogaspare@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite